FOTOGRAFARE IL CIBO

La pasta: infiniti modi per cucinarla, ma come si fotografa?

penne pinoli-3Il food è diventato un soggetto molto popolare sui social. Non c’è account di Instagram che non abbia in galleria una foto food. Per non parlare poi delle tante riviste e libri di cucina che troviamo ovunque. Ti sei mai chiesto come si fa una vera foto food? Ecco, nelle prossime righe troverai una guida molto easy su come si può ottenere un risultato più che degno fotografando la pasta al pomodoro di mamma.

Per questo post ho scelto una ricetta veloce, semplice e molto gustosa che ho trovato su contemporaneofood.com. Per onore di cronaca preciso che la ricetta originale ha subìto due sostituzioni: le trofie fresche e pomodori pachino, sono stati rimpiazzati da mezze penne integrali e pomodori cherry che avevo già in dispensa.

Per prima cosa è giusto puntualizzare che le foto food migliori vengono realizzate con una fotocamera reflex. Più o meno professionale. Non perché gli altri devices non siano all’altezza, ma perché con una reflex è più facile “aggiustare” i parametri tecnici che con smartphones e fotocamere compatte non sono sempre a portata di utente. Inoltre l’intercambiabilità delle lenti è un’opzione troppo importante per questo campo.

Detto questo, passiamo alla pratica. Prepara gli ingredienti sul tavolo, poi prepara il set dove il tuo piatto verrà immortalato. Eh sì, il set va preparato prima. Perché? La fotografia deve catturare la freschezza del piatto. Se utilizzi, come in questo caso, del basilico fresco come guarnizione, il calore del vapore lo farà avvizzire e non è bello vedere il basilico in quello stato, soprattutto se deve essere fotografato.

Quindi prepara il set e fai qualche scatto prova con altri soggetti. Quando tutto è in ordine, mettiti ai fornelli e cucina una BELLA pasta. Ricordati che il piatto deve far venire l’acquolina a chi guarda. Dunque massima attenzione alla composizione, ai colori e alla presentazione del piatto.

IL SET

Per prima cosa ti serve un tavolo, piccolo o grande dipende da quanto spazio hai. Io uso un tavolino IKEA a fondo bianco opaco – modello Lack . Poi serve un buon treppiede. Questo deve essere solido per poter sopportare il peso della tua fotocamera e dell’obiettivo che monterai. Deve avere la testa snodata almeno in due punti o sarà difficoltoso girare la fotocamera in sede di scatto.

Per le luci, come detto in precedenza uso prevalentemente luce naturale quindi posizionate il set vicino ad una finestra con luce diretta. In qualsiasi occasione ti trovi, ricordati che per fotografare il cibo, l’uso del FLASH è assolutamente bandito. Dunque se ne hai uno esterno, non montarlo, se ne hai uno che automaticamente si aziona, disabilitalo e usalo per altri progetti o esperimenti. Qui si usa solo la luce naturale o in alcuni casi (studi poco illuminati) luce artificiale solare con softbox, diffusori e così via.

Consiglio poi di avere a portata di mano altri accessori: pinze da cucina e una siringa da 5 mm. Avete capito bene. Una siringa. A cosa serve? In questa foto l’ho usata per colare l’olio sulla pasta o sul basilico, senza sporcare il resto del piatto. Ma può servire anche per il cioccolato, le creme e altri ingredienti che sono difficili da dosare a mano.

PULIZIA

La cosa fondamentale in questo lavoro è il SET PULITO. La scena deve essere nitida, con tanta luce e soprattutto ASETTICA. Non si lavora con piatti che presentano aloni o con posate sporche a meno che non sia fortemente voluto. Ma, credetemi, i casi sono rarissimi e molto ben costruiti. Se nell’impiattare si è sporcato il bordo del piatto, ti consiglio ti pulirlo prima di scattare la foto, perché in post produzione diventerà lungo e difficile farlo e il risultato potrebbe essere non perfetto.

by Moira Nazzari

POSIZIONE DEL SET RISPETTO ALLA LUCE

Posiziona il tavolo affianco alla finestra con luce diretta per dare illuminazione su un lato del piatto. Poi posiziona il treppiede davanti al soggetto all’altezza di circa 20 cm dal piatto.

Subito dopo valuta i punti di bianco e setta la fotocamera su 100 ISO. Se la luce è troppo forte e scurisce troppo il lato destro della composizione allora, ti consiglio di posizionare un pannello di plexiglass/cartone bianco opaco difronte alla finestra in modo da rimbalzare la luce diretta sul lato del piatto più scuro (vedi immagine).

COME SI SCATTA

Se hai una reflex sicuramente, nelle opzioni ci sarà la modalità MANUALE. Ebbene usala. E’ la modalità più creativa e ti permette di conoscere bene la tua fotocamera. Se si dispone inoltre della modalità LIVE VIEW, sarà meno faticoso visualizzare la scena. Se si utilizza un cellulare o una fotocamera compatta purtroppo non sarà possibile variare molte impostazioni. Curate la composizione. Per il resto ci sarà il post production.

Per le reflex un’altra scelta è la lente da utilizzare.  La scelta dell’obiettivo può essere fondamentale per alcuni piatti. Questo è stato fotografato con un obiettivo medio. Ma in alcuni casi va meglio il teleobiettivo, perché sfuma meglio lo sfondo e dettagli che non vogliamo rivelare nella nostra composizione, ma che non possono essere eliminati completamente. Pensa a quello che stai scattando e se ci riesci immagina il risultato che vorresti ottenere con la tua foto.

Se hai intenzione di mangiare quello che hai cucinato, scatta velocemente o il piatto diventerà freddo. Con il cambio di temperatura la resa dei colori e della consistenza varierà tantissimo. Evita poi di cuocere troppo la pasta, anzi cerca di cucinarla al dente, avrà un aspetto più sano.

penne pinoli

Ecco qualche dato tecnico del mio scatto per avere dei parametri dimostrativi.

TITOLO: Mezze penne integrali in crema di basilico, pomodori cherry e pinoli tostati in cialda di parmigiano croccante7

FOTOCAMERA: CANON 7D + TAMRON 28-75 mm

ISO 100  – 50 mm – f / 5,0 – 0,4 sec

LINK UTILI

Se ti piace la fotografia food e vuoi approfondire l’argomento, magari ti può interessare il mio blog specializzato in food photography. A cadenza settimanale pubblico articoli con consigli pratici per fotografare bene il food.Visita www.fotoincucina.com e ti prometto che sarai in grado di scattare fotografie bellissime anche da smartphone.